BorgoSanMichele

Vai ai contenuti

Menu principale:




                                       Statistica accessi
                               a partire dal 6 Ottobre 2015
Borgo San Michele - La nostra storia
 
Quando Volpiano era un paese agricolo, a nord del paese, nella piazza al bivio con San Benigno e Lombardore, c’erano: la chiesetta dedicata all’Arcangelo Michele, il pozzo per l’irrigazione dei terreni e il peso pubblico utilizzato per pesi elevati.
Alla piazza fu dato il soprannome di piazza “del peso” e così i locali che si affacciavano su essa presero questo soprannome: il panettiere “del peso”, il bar “del peso”.
Ogni anno, alla fine di settembre, i giovani di quei tempi con la collaborazione degli abitanti del borgo, festeggiavano San Michele presso l’omonima cappella.
Via Roma e i dintorni, venivano addobbati con festoni colorati e gli abitanti portavano il soprannome di “Globo ad Crosa”, tutto questo sino all’anno 1951. Dopo il 1951 i festeggiamenti si interruppero e passarono alcuni anni silenziosi.
Nel 1976, un gruppo di volontari del borgo, ripulirono la cappella dedicata all’Arcangelo  Michele e dal bar, dove erano soliti ritrovarsi, si riprese l’organizzazione della festa di San Michele, la domenica più vicina al 29 settembre.
Essendo stato eliminato il peso pubblico, si decise di cambiare il soprannome alla piazza e tutta l’area così detta “del peso”, divenne: BORGO San Michele.
Nel 1983, furono eletti i primi priori del borgo ed ogni anno nuovi priori, danno il segno di una tradizionale continuazione.
A partire dal 1998 si aggiunse ai festeggiamenti del borgo, la Gimkana dei cavalli, manifestazione d’abilità equestre, molta apprezzata dagli amanti dei cavalli e non, che viene disputata la domenica precedente la festa del borgo.
Il comitato del Borgo San Michele, ringrazia la popolazione che ogni anno, nonostante il cattivo tempo, partecipa numerosa alle iniziative della festa.
Torna ai contenuti | Torna al menu